Tag Archive: hasan atiya al nassar


15196013_1287402231301386_3374712298146090689_o

 

 

Prima presentazione per “affluenti”, antologia di poesia fiorentina di nuova generazione.

Alla Biblioteca Torregiani di Via Palazzuolo 95, ore 18:00. Assieme a Palazzuolo Strada Aperta, associazione interculturale che opera in una delle zone più multietniche di Firenze.

A seguire apericena (porta quello che vorresti trovare, noi faremo altrettanto).

 
Questo lavoro antologico nasce dalla necessità di dare voce alla Firenze poetica di oggi, specchio di una realtà sociale e culturale sempre più cosmopolita.

Caratteristica peculiare di questa raccolta è infatti la forte presenza (non esclusiva), di poeti e poetesse legati/e alla città di Firenze (e dintorni) per motivi di studio/lavoro, migrazione ed esistenza, ma nati/e in contesti diversi da quello del capoluogo toscano.
Le cui vicende e le cui poetiche si incontrano – e spesso si mischiano – da un lato con la storia di Firenze stessa. Dall’altro con le più interessanti voci del vivaio locale attuale, anch’esse presenti in questa selezione.

Nella convinzione che un contesto come quello fiorentino, abbia oggi bisogno di aprirsi tanto a poetiche locali non riconducibili al mainstream, più o meno controculturale. Quanto ai fondamentali apporti che gli possono arrivare, dal potenziale umano “di acquisizione”.

 
GLI AUTORI E LE AUTRICI PRESENTI:

– Hasan Atiya Al Nassar
– Baret Magarian
– Giovanni Abbate
– Manuela Maria Pană
– Graziella Linardi
– Marco Incardona
– Jonathan Rizzo
– Lorenzo Arcaleni
– Blake Nikolson
– Silvia Frison
– Chiara Ciri
– Luca Buonaguidi
– Massimo De Micco
– Edoardo Olmi

A Palermo dal 3 febbraio al 15 maggio, si tiene un importante incontro internazionale di storia, letteratura, musica, arte, dal titolo “Islam in Sicilia: un giardino tra due civiltà”. Dove lo scorso 25 febbraio, alcuni poeti provenienti da diverse parti del mondo, hanno tenuto il reading “Multi/versi nel mare tra le terre”. Fra questi anche Hasan Atiya Al Nassar, poeta iracheno rifugiato politico in Italia dal 1981, perché renitente alla leva nella guerra contro l’Iran, e considerato uno dei massimi poeti d’esilio viventi.

Hasan è intervenuto con la bellissima poesia “L’ultimo pianto di Ur”, per la quale è in cerca di realtà interessate ad una pubblicazione (siti, blog, riviste, ecc.) e che allego:

 

L’ultimo pianto di Ur

Mi è sembrata la terra dei Sumeri spogliata dei suoi fiumi, nuda.

Mi ha avvicinato la terra d’Iraq, tradita, già vogliosa di fiori seminati dai propri cari.

Ho udito le tenebre che difendono i miei morti, nel mio sangue.

Danza e canti all’alba, per un addio eterno, per addormentare il mio sogno,

cresce e muore il fuoco.

Come è bello, meraviglioso il Mediterraneo,

non ha memoria dei defunti.

Fratello, non camminare oltre

perché il cimitero del mare ti aspetta.

Fango salato, marcio,

il grano spezzato lascia spighe mai più fertili.

Femminilità improduttiva.

Ho visto sudari, come camicie appese a un filo,

aprirsi sotto i raggi di una luna argentata

che spinge il tramonto

verso l’isola innocente che nessuno ha mai calpestato con lo stivale,

di quelli che indossano i militari che stanno arrivando.

Spuntano ombre di contadini meridionali,

reliquie di corpi che vagano nel fango dell’Iraq.

Così terminano le acque d’Iraq come termina la luce della luna d’argento.

Avrei voluto vedere le donne vergini quando  liberano dal loro ventre

bambini che stringono in mano coltelli di marmo.

Avrei voluto ascoltare il pianto del Sud, come fanciulli smarriti sul valico montuoso.

Ho ascoltato sorrisi bruciare lo scandalo del fuoco,

tra il sangue e il fango di Ur traditrice, come la donna che ci inganna sin dall’inizio

prima di abbandonarci sul crocevia della sentiero.

Chi non ha conosciuto Ur, Abramo, Gelgamesh, Hasan al Nassar, non può capire cosa sia la sofferenza.

Tu sei Adamo nella luce cieca e la vita che hai avuta non è uguale a quella di tutti.

Un’altra vita persa nella battaglia perduta.

Mi sono sembrate le stelle che tradiscono come vergini stuprate sotto

un tessuto della notte lunare.

Nessun volto assomiglia mai al profilo della luna.

Le vergini liberano fanciulli che tengono ancora in mano coltelli di marmo. 

Ho visto coltelli galleggiare sopra l’Iraq nudo d’acqua

spogliato

nudo di valli di fango, terra sabbia, maiolica,

si sono scontrati alberi con altri alberi

innamorati con altri innamorati

poeti con altri poeti

piante con altre piante

erbe con altre erbe:

non saranno più vivi

Ma ora è morto l’inno, il canto di una collina vicina,

perché i sogni terminano  con violenza.

Tristezza nei volti quando inizia il litigio.

Tristezza nei volti nella notte sumerica,

quando ci sarà il canto

trionfale, inno alla gioia.

Vi dico: i tamburini devono conservare il silenzio.

Avrei voluto non ascoltare un’onda triste.

Certo, i grembi gonfi andranno

e torneranno presto al fango di Babilonia.

Porteranno cadaveri di ghiaccio.

State tranquilli, io vi dico, fate calmare la vostra voce, che la torre di Babele inizia a prendere fuoco,

si stringe la sua cintura e risorgono i morti di Ur.

Figlia di Ur, dove vaghi?  ***

La vita che tu cerchi non la troverai.  Riempi il tuo ventre di bambini.

Ti dovrò dare vesti per il tuo corpo, pane e cibo,  per la tua verginità.

Tu sei un braciere che si estingue nel gelo, una porta che non sostiene il vento e la tempesta.

Per tutta la vita ti seguirò come straniero, passo a passo. Come un’ombra sconosciuta.

Non voglio sentirti come un serpente che scivola sul mio corpo.

Non ti devi avvicinare dove io sono, dove io vado non devi andare

Dove io entro non devi entrare.

Io ti seguo passo dopo passo, uomo di frontiera stanco di un’altra notte senza frutti.

L’amore è duro, rigido, nudo.

Ebbene, sono già cadute gocce d’acqua.

Pioggia acquazzone caduta sul grano spezzato,

su un Iraq quieto

di fango sepolcrale si è alzato nel buio silenzioso a coprire il mio corpo

a uccidermi lentamente.

Il fango sepolcrale sta camminando come un lupo.

Io vi stringo come un fiato o grido: perché l’amore era duro anche nel sogno.

La terra tra due fiumi è sembrata spogliata della sua acqua, caduta, sconfitta, crollata.

Ho detto addio all’Iraq, ho udito l’inno di Ur traditrice.

Per la battaglia, l’incendio si alzerà fra poco.

E’ caduta, è caduta Ur la grande,

il paese che è come vuole essere.

 

 

Venerdì prossimo torno a Firenze alla DEA, con una serata della quale sono molto felice.

Ore 21:00 si parte a razzo, con l’inaugurazione della mostra del Movimento per l’Emancipazione della Poesia, ormai rinomata realtà dell’underground fiorentino per i suoi attacchinaggi creativi e destabilizzanti.

Subito dopo presento “Militanza del fiore”, la prima raccolta di poesie di Carlo Cuppini, giovane poeta urbinate trapiantato a Firenze, una delle voci indipendenti più interessanti del panorama poetico esordiente. Libro la cui prefazione porta la firma di un certo sig. Adriano Sofri.

Verso le 21:45 tocca a me parlare un po’ de “Il porcospino in pegaso”, e avrò il piacere di farlo con Silvana Grippi di DEApress e con Hasan Atiya Al Nassar, poeta iracheno esule in Italia dal 1981, per renitenza alla leva durante la guerra contro l’Iran, e considerato fra i massimi poeti d’esilio viventi.

Dalle 22:30 o giù di lì, quei guasconi del Collettivomensa ovvero la crème dell’underground fiorentino, ci delizieranno di loro letture e riviste per grandi e piccini nel massimo spirito natalizio.

Durante tutta la serata vino e mangime a piccolo contributo spese per sostenere la DEA, nonché musica tra il jazz ed il post-persiano.